COS'E' IL BYZANTINE CHANT THERAPY METHOD

 

BYZANTINE Chant Therapy

LA RELAZIONE TRA CORPO, ANIMA, SPIRITO 10

Byzantino Canto Terapia,  è un metodo di canto terapia preventiva e riabilitativa,  che utilizza gli 8 toni del canto bizantino per mettere in relazione il corpo, le emozioni e la dimensione spirituale dell’uomo, con l’obiettivo di migliorare la qualità vocale e ampliare le possibilità espressive.

IL CANTO ROMANO - BIZANTINO:

Il Canto bizantino o piu’ propriamente canto-romano bizantino indica la tradizione sacra e profana del canto modale dei popoli dove regnava l’impero Romano d’oriente e d’occidente dopo la venuta di Cristo, basata sui modi musicali rispettivamente bizantini ed ecclesiastici.

Nel canto bizantino confluiscono tradizioni provenienti dal canto sinagogale, dalla Siria, dall’ Etiopia, Armenia, Egitto, Asia Minore, Italia del Sud (mentre al nord Italia permane fino al 1050 circa in lingua latina), Grecia e paesi balcanici.

Il canto bizantino è la continuazione del canto sinagogale o giudaico che ha conservato la tradizione orale e che non ha subito modernizzazioni nel corso del tempo ma conserva lo stato puro e tradizionale delle origini.

Gli OTTO TONI

Gli otto toni è il complesso di otto scale modali ciascuna delle quali ha determinate note iniziali, intermedie e chiuse finali. Ogni tono ha una fisionomia propria, un periodare e una tessitura melodica particolare.

Nel canto bizantino ogni tono esprime un colore dell’anima che attraverso la preghiera cantata viene sublimato in un colore dello spirito, piu’ perfetta, come afferma il discepolo di Giovanni Crisostomo, Isidoro Pelusiota.

I MICROTONI

L’ Allargamento dell’orizzonte vocale del canto bizantino, I 72 intervalli come possibilità vocali contro i 12 intervalli come possibilità vocali della musica temperata puo’ essere considerato come allargamento delle possibilità espressive ed esplorative del paziente. Nelle musiche di tradizione orale come nella musica microtonale il concetto di esplorazione è un elemento praticato durante l’escursione vocale attraverso l’improvvisazione e l’escursione microtonale.

LA RESTITUZIONE DELLA NATURALEZZA ALL’USO DELLA VOCE

L’uomo ha perso le sue radici, la sua etnia. Ha dimenticato le sue origini, il suo primitivismo, la sua storia, l’essenza del suo essere. La voce riportata nel suo stato naturale, cosi come nel canto tradizionale bizantino rispetta l’uomo a livello antropologico e fisiologico. 

Continua su richiesta

Per colloqui e informazioni sul metodo prenotare un appuntamento al 393.08.13.137 o frequentare i workshop del 2017 indicati alla pagina appuntamenti

http://canto.irinipasi.it/content/c-v-irene-rotondale-e-corsi-di-canto-bizantino-torino

[10] IRENE ROTONDALE  Estratto dal Cap. Il potere trasformativo degli otto toni - Tesi in musicoterapiapag.53